Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LE PUTTE


SONETTO


Cosa feu, care putte, sto bordelo
    Frà de vù altre in camera solette?
    Ve menevi la Mona poverette,
    4O vardevi, chi gà più rizzo el pelo?

El Culo ve palpevi, chi hà più belo,
    O vardevi chi più dure ha le Tette?
    Provevi le Culatte a tegnir strette,
    8Come se fà, co se tiol su l'Oselo?

Oh! se podesse star in t'un canton
    A veder quelle buzare, che fè,
    11Credelo, che goderìa assae de bon.

Ma co avesse sentìo, subito in piè
    Saltaria sù, e dirìa per compassion,
    14Che anca mi sbora sul Monin lassè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/170&oldid=60316"