Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/167

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER UN INNAMORAMENTO DE DO DONNE


SONETTO


A sentir, che do Donne innamorae
    Xe trà de elle, me vien suso la stizza,
    Perchè penso, che quando la ghe pizza
    4Altro no le puol far, che le Monae.

Vardè, che belle matte buzarae,
    Una con l'altra se vuol far novizza,
    Ma una Chizza no puol all'altra Chizza,
    8Se nò che darghe delle slenguazzae.

Voggio ben, che le gabbia un gran contento,
    Ma'l so gusto sarà sempre imperfetto,
    11Co gnente no le gà da metter drento.

Al più le poderìa per bel diletto,
    Che l'è come ballar senza instrumento,
    14Chiavarse colla Mona a scartozzetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/167&oldid=60312"