Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/168

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLE MEDESIME


SONETTO


Do Donne ho visto insieme, che ziogava,
    E capir no podeva quel zioghetto;
    Pò vedo, che una giera stesa in letto,
    4E che l'altra la Mona ghe liccava,

Dai motti convulsivi, che la fava,
    Vedeva, che la sente un gran diletto,
    E dal trar delle gambe, e del culetto,
    8Capiva, che ogni tanto la sborava.

Quella, che giera prima parte attrice,
    La se fava de posta parte rea,
    11E cussì ognuna giera liccatrice.

Frà Donne far de più no se podea
    Ma per far el so stato più felice
    14Longo una quarta un Cazzo ghe volea.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/168&oldid=60313"