Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/158

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


UNA DONNA, CHE VUOL FARSE FOTTER


SONETTO


Oh che bel Cazzo! Oh siestù benedetto!
    Che ti me mostri in chiavar tanta possanza,
    E che in guerra d'amor fatto perfetto
    4Più Mone ti hà espugnà, che Carlo in Franza.

Se ti xe del mio cuor l'unico oggetto,
    De st'anema sbasìa dolce speranza,
    Lassa, caro el mio ben, che in mezzo al letto
    8La mia Mona te goda sulla panza.

Boccon curà, che l'appettito incita,
    Che co te vedo me vien l'acqua in bocca,
    11E senza ti no posso star in vita.

Come ambra tien la paggia appena tocca,
    Come el ferro tirar suol calamita,
    14Cussì, caro, vorrìa tirarte in Cocca.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/158&oldid=60306"