Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/157

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


GHE VIEN NEGÀ LA MONA


SONETTO


Oh poffardìo, me tira tanto el Cazzo,
    E no ti gà per lù premura alcuna?
    Ti sà pur, che nol trova altro solazzo,
    4Se nò quando, che 'l trova in ti fortuna.

Ti sà pur, che 'l mio Osello poverazzo
    Sempre pronto el laora, e mai nol zuna,
    E addesso ti'l fà star da visdecazzo
    8A contemplar i quarti della Luna.

Con bona grazia ti me la sporzevi,
    E collegada te trovava in letto,
    11Ti lo chiappavi, e in Mona te 'l mettevi,

Se lavava el mio muso nel to petto,
    E sin del mio sborar gusto ti avevi,
    14Perchè negarme adesso sto diletto.errata corrige originale

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/157&oldid=65519"