Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/159

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIALOGO TRÀ OMO, E DONNA


SONETTO


Oh Dìo! mio ben, no posso più, oh Dio! moro
    Oh Dìo! caro, oh Dio! viscere. Oh Dìo! el Cazzo,
    L'è massa grando, che 'l me fà strapazzo,
    4El me sbrega la Mona, o mio Tesoro.

Stà salda Anema mia, che adesso sboro,
    E senti, che sborae, che per ti fazzo,
    Queste xe, cara vita, un gran solazzo,
    8Che ognun el pagherave a peso d'oro.

Sì, caro, el gusto è grando, bon, e belo,
    El chiavar xe cosa santa, e bona,
    11Ma me fà mal sto buzaron d'Oselo;

Varda, ti me fà sangue, o mia colona,
    Varda, che tutto xe insanguinà el pelo,
    14Vardeme, can, ti m'hà sbregà la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/159&oldid=60307"