Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/156

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LO STESSO VIEN VISITÀ DA 'NA DONNA


SONETTO


A trovarme una Donna xe vegnua
    Co so Mario de fuora una mattina;
    Una, ch'è stà una volta mia visina,
    4E un zorno ho vista a caso mezza nua.

So Marìo corre in brolo a magnar l'ua,
    E 'l lassa in mio poder sta vezzosina,
    Mi ghe chiappo de liongo una manina,
    8Tenera assae sì ben la giera crua.

Baso quel buso, che no gà el secondo,
    E ghe chiappo, e ghe zuppego, e ghe inghiotto
    11Do Tette le più belle de sto Mondo;

Chiappo sta Donna, e me la metto sotto,
    Ella crìa, cosa feu? mi ghe rispondo,
    14No sentistu, cogiona, che te fotto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/156&oldid=60304"