Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/155

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I DIVERTIMENTI DELL'AUTOR A PADOA


SONETTO


In queste fortunate alme contrade,
    Che a Antenore Trojan hà piasso tanto,
    Godo la Fiera, e l'Opera del Santo,
    4E chiavo delle porche buzarade.

Le fotterave in Chiesa, e per le strade,
    Tanto, e che per custìe son morto, e spanto;
    Quà ghè puttane, che ghe tiol el vanto
    8A quante, che da mi xe stà chiavade.

Mi a casa tornarò per dirla in fati
    Tutto magagne, e tutto pien de peste,
    11Col Cazzo marzo, e coi cogion desfati;

Ma ghe sarà de pezo oltre de queste,
    Perchè son alloggià da certi Frati,
    14Onde anca al Cul gaverò le creste.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/155&oldid=60303"