Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/146

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PARALELLO TRÀ PLATONE, E L'AUTORE


SONETTO


De tre cose Platon continnuamente
    Ringraziava el Signor, prima de tutto
    D'averlo fatto un Omo, e non un Brutto,
    4Un Grego, e non un Barbaro insolente;

Che 'l fusse nato fortunatamente
    In tempo de quel Socrate sì acuto,
    Che l'avea colle scienze tanto istrutto,
    8Che pò l'è deventà quella gran mente.

De tre cose anca mi ringrazio el Cielo,
    E co de queste è priva una persona,
    11S'anca el xe un Rè, mi no voi esser quelo;

Una xe'l don della Poesìa barona,
    La Musica xe l'altra, ma el più belo
    14Xe d'aver sempre voggia della Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/146&oldid=60295"