Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/143

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I OMENI DELICATI


SONETTO


Dei Omeni ghe xe delicatini,
    Che dise, mi no sò, come che fazza
    Certi, che và da qualche puttanazza,
    4Dove drento ghe và anca i facchini.

Mi digo, senti, cari paregini,
    Co andè al Caffè bevè pur in la tazza,
    Dove, che beve zente d'ogni razza,
    8E allora no sè tanto stomeghini.

Vu me dirè, che quei della bottega
    Dopo, che gà bevù qualche persona,
    11Quella chicchera sporca i lava, e frega.

Xe vero; me anca quella buzarona
    Dopo chiavada un bel facciol la spiega,
    14E la se suga subito la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/143&oldid=60292"