Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/142

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA SPIA


SONETTO


Amor, co delle volte el se tiol ziogo
    De vardar dei morosi i strani casi,
    Colla mia Betta un dì vicin al fuogo
    4El s'hà messo a spiar i dolci basi.

Mi stendevo una man giusto in quel liogo,
    Che xe più sconto, e ghe diseva, tasi,
    Tasi, Ben mio, che tanto ardir me tiogo,
    8Perchè te voggio ben, e ti me piasi;

E pò senz'altro me la cazzo sorro,
    La dise, cosa fastu? E mi ghe digo,
    11No ti senti cogiona, che te fotto.

Con quattro botte in pressa me destrigo,
    E Amor intanto, che ridea del motto,
    14Sento, che 'l dise, estu stà in Mona amigo?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/142&oldid=60291"