Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/141

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MONA PUOL RISANAR EL MORIBONDO


SONETTO


Quando se xe per trar l'ultimi peti,
    Che tutti quanti i sensi ne languisse,
    Sarìa meggio, che in Camera vegnisse
    4Delle Donne graziose, e nò dei Preti;

Che le vegnisse a farne dei balleti,
    E le cazzasse vìa sti incanta bisse,
    Son seguro, che s'anca se morisse,
    8Se morirave più contenti, e quieti.

Se dopo el ballo, co se xe in quel stato,
    Ste Donne in man la Mona le ve dasse,
    11Le farave più frutto del Curato;

Perchè, quando, che 'l corpo se scaldasse
    Dal godimento de quel dolce tato,
    14Chi sà, che in botta lù no risanasse!

                Che 'l spirito restasse,
Ne 'l ghe pensasse più d'andar in Cielo
    17Per non levar la Man vìa de quel pelo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/141&oldid=60290"