Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/140

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


FORZA DELLA MONA


SONETTO


Mona, cosa mai xestu, che ti hà tanta
    Forza, e virtù de far tirar i Cazzi!
    I più savj per ti deventa pazzi,
    4E 'l coraggioso in ti se perde, e incanta.

Quei, che d'esser gran teste se milanta,
    Per ti deventa tanti visdecazzi,
    Ti ti fà i vecchj deventar ragazzi,
    8E ti fà far peccai alla zente santa;

Ti sola ti puol far, che sti avaroni
    Deventa generosi in t'un momento,
    11E che volta bandiera i buzaroni,

Per ti el più desperà resta contento;
    Per ti se perde onor, robba, e cogioni,
    14Mona, mo cosa mai gastu là drento?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/140&oldid=60289"