Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/139

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


COMPENSO ALLE MISERIE


SONETTO


Se quando, che la testa hò messo fuora
    Del buso de mia Mare, in quell'istante
    Mi avesse visto le disgrazie tante,
    4Che hò da patir avanti, che mi muora,

De pianzer per magnar alla tal'ora,
    D'aver ligà in le fasce brazzi, e piante,
    De star sotto la sferza d'un Pedante,
    8Che m'avesse oltre al dir de dar ancora;

E pò tanti travaggi, e infermità;
    Sarìa ben stà una razza buzarona,
    11Se indrìo no fusse subito tornà;

Quando per sorte una gran bona Dona;
    Che in quel caso sarìa restà de quà,
    14No m'avesse in quel dì mostrà la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/139&oldid=60287"