Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/138

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


QUARE DE VULVA EDUXISTI ME.1


SONETTO


Dalla Mona, perchè m'aveu cavà,
    Co savevi, Signor, che hò da morir,errata corrige originale
    Giera meggio lassarme là dormir
    4In brazzo a quella gran eternità.

Cosa serviva, che vegnisse quà
    Quando, che zà gaveva da finir,errata corrige originale
    Altro mi no gò fatto, che soffrir,
    8E questo è quello, che mi gò avvanzà;

Siben co penso a torto me lamento,
    Che se de mali el Mondo và per sora,
    11Anca de beni ghe ne xe un spavento;

E pò, come podeva in mia bonora
    El gran gusto provar dell'andar drento;
    14Se vù, Signor, no me cavavi fuora?

  1. Giobbe, 10:18 (Nota de Wikisource)
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/138&oldid=65527"