Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/122

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A CHI HÀ CAZZO, E BEZZI NO MANCA MONA


SONETTO


Senti, cogiona, se ti me desprezzi,
    Per Dìo, no pianzo, nè me tiogo pena,
    Vaga co la sà andar, zà ho rotto in pezzi
    4Dell'amante mio cuor la rìa caena.

Usa co chi ti vuol lusinghe, e vezzi,
    Che zà no ti me tiol disnare, e cena
    Co manco suggizion, e manco bezzi
    8Se catta della Mona a panza piena.

A chi hà testa no manca mai capello,
    Cussì no manca Potta bella, e bona
    11A chi gà bona borsa, e bon Osello.

Hò visto più de qualche buzarona,
    Che per farse chiavar da questo, e quello
    14La s'hà impenìo de peste, e Culo, e Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/122&oldid=60275"