Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/123

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MONA, CHE SCAVEZZA 'L CAZZO, È LA PIÙ BONA


SONETTO


Gò voggia de chiavar de quelle Done,
    De quelle, che la Mona ghe lampiza,
    Che de natura soa la ghe bocchiza,
    4Che queste no le xe tanto cogione.

Me piase che le Donne sia mattone,
    Che co drento le 'l tiol le cospettiza,
    Che quando, che le sbora, le petiza
    8Dal gusto, che le gà ste buzarone.

El fotter xe stà sempre un gran bel ziogo,
    Ma più bello deventa sto solazzo,
    11Co una Mona le gà, che butta fuogo.

Ste Mone per el più le xe de giazzo,
    Gò voggia de trovar in qualche liogo
    14De quelle Mone, che scavezza el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/123&oldid=60276"