Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA DONNA RIMPROVERA L'AUTORE


SONETTO


Se de pissar la voggia v'è scampà
    Podevi pur andar in t'un canton,
    E far quel, che volevi là in scondon,
    4Senza mostrar quel, che m'avè mostrà.

Se in colera con vù mi son andà
    Ve par forse, che no abbia bù rason?
    Col piavolo a pissar sotto el balcon,
    8Far in presenza mia ste indegnità?

Se un cappon cotto, e grasso andè a portar
    A un poveromo, e al naso ghe 'l mettè,
    11No ghe feù voggia proprio de magnar?

Questo è l'affronto grando, che me fè,
    Me mostrè el vostro Cazzo col pissar,
    14E me fè tanta gola, e pò el scondè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/121&oldid=60274"