Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE MOSTRA EL CAZZO A 'NA DONNA


SONETTO


Giera un dì in una calle, che pissava,
    E s'un balcon ghe giera un muso belo,
    Vedeva, ch'ella fiso me vardava,
    4E mi senz'altro mostreghe l'Oselo.

Sul principio me par, che la ghe stava,
    E che la giera Donna, ch'hà cervelo,
    Pò vedo, ch'ogni tanto la scampava,
    8E che piuttosto la vardava el Cielo;

Co mi ho visto cussì l'ho messo vìa,
    E ho dito, questa quà xe una cogiona,
    11Che no sà ben cosa, che 'l Cazzo sìa;

Per i me denti no l'è robba bona,
    Perchè mi, a dirla, subito vorrìa,
    14Che ognuna con mi fusse buzarona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/120&oldid=60273"