Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/117

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tutti gabbia la so oretta,
    E, co tutti insieme i xè,
    A un de man darghe 'na stretta,
    48A un zapparghe sù d'un piè.

Che alle grazie ognun se creda
    D'esser solo el prediletto,
    Che no è pò, che 'l se veda
    52Da un rival sbalzà dal letto;

Che l'amor s'intiepidisse,
    Co no gà rivalità,
    Che i rivali lo nodrisse,
    56E cussì più saldi i stà;

Che se mai qualcun ne trova
    In error, s'hà da mentir,
    E se'l cria, quest'è una prova,
    60Che l'amor se fà sentir.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/117&oldid=64396"