Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/116

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ai Romanzi mi ghe lasso
    Quella rara fedeltà,
    Che l'hà scritta Ariosto, e 'l Tasso,
    32Ma che mai no la s'hà dà.

Perchè i staga con speranza,
    Co se puol in fazza ai Omeni,
    Farghe lode alla costanza,
    36Ma col cuor, che la s'abbomeni.

Quel, che insegna la natura,
    E ch'insegna ancora l'arte,
    S'hà da far con la misura
    40Dar a tutti la so parte.

Tutti s'hà da coltivar,
    Perchè tutti gà 'l so bon;
    Quel pò s'hà da disprezzar,
    44Che vuol farla da paron.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/116&oldid=64395"