Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA MEDESIMA


SONETTO


Vien quà subito, porca buzarona;
    E daghe un fià de gusto a sto mio Cazzo,
    Lassa, che'l vada in Culo sto gramazzo,
    4Che zà lù no ghe pensa più de Mona.

Come disela Sior? Mi son 'na Dona,
    Che no se lassa far un tal strapazzo,
    E me par, che 'l so dir sia da furbazzo,
    8Che no parla cussì la zente bona.

Oh che porco, oh che ladro maledetto!
    No ti vuol tiorlo in Culo? Adesso mì;
    11Sia un beccazzo fottù, se no tel metto.

Anemo, buttete zoso sù quel letto,
    Che te voi buzarar: oh! Dio no pì.
    14Tiò vacca, el xe andà drento a to despetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/109&oldid=60265"