Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/110

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Perchè, caro el mio ben, se vù gavè
    Del mio cortello el fodero, no voleo,
    Che drento ve lo metta in Culiseo,
    4Ma, che de fora el staga, pretendè?

Se del mio Osello vù la gheba sè,
    Perchè all'aria cussì vù lo lasseo?
    Come voleù, che 'l fazza più marmeo,
    8Quando, che de magnar mai no ghe dè?

Ma, per Dìo, che a pensarghe la xe bella,
    Come hoi da stare in pie senza de vù,
    11Se sè la testa della mia capella?

Sù vìa, caro el mio ben, tioleme sù,
    Lassè, che unissa questa parte a quella,
    14Cussì staremo meggio tutti dù.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/110&oldid=65517"