Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER AVER FOTTUO LA SCHIAVONA


SONETTO


Una certa puttana buzarona
    Vegnendome prurito de chiavar
    Son andà l'altra sera a ritrovar,
    4E sì ghe l'hò ficcà subito in Mona.

Questa giera alle curte la Schiavona,
    Brocca perfetta in l'arte de sborar,
    Capace più de diese a contentar,
    8Siben, che no la xe ancuò più bona.

Custìa trà tutte quante le Cloacche,
    Se puol per i so meriti chiamarla
    11La vaccona più grande delle vacche;

Un da otto se spende per chiavarla,
    E, chi vuol investirghelo in le slacche,
    14Basta darghe un da diese per pagarla.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/108&oldid=60264"