Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PARALELLO TRÀ L'AUTORE, ED ALESSANDRO MAGNO.


SONETTO


Ad Alessandro Magno un gran sapiente
    Gà dito con bellissimi concetti,
    Che ghe xe di altri Mondi in ti Pianetti,
    4Ch'a quel, che resta, nol gà chiappà gnente.

A sto cantin l'hà pianto amaramente,
    Che no ghe fusse Proti, nè Architetti,
    Che ghe fasse dei Ponti larghi, o stretti
    8Per poder zonzer anca quella zente.

Quando cussì la xe, che ancuò là suso
    Ghè terra, ghe sarà anca delle Done,
    11Che, come queste, gaverà quel buso;

Che se anca là ghe xe de ste matrone,
    Mi son co più rason mesto, e confuso,
    14Pianzo la privazion de tante Mone.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/107&oldid=60263"