Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Mi no voi stì cavalieri,
    Perchè intorno a 'na raggazza
    I me par tanti guerrieri,
    176Che assaltar voggia 'na piazza,

E per quanto la sia forte,
    E costante al gran cimento,
    I ghe stà tanto alle porte,
    180Che un dì, o l'altra i sbrissa drento.

Se la xe una Donna ardita,
    Che no fazza mai la sciocca,
    I ghe stà tanto alla vita,
    184Che alla fin i ghe la imbrocca;

Se la xe una volpe vecchia
    A schivarse sempre pronta,
    I ghe batte tanto in recchia,
    188Che pò un dì suso i ghe monta.