Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Certe strette pò de man
    Mi no voi, che le sopporta,
    Perchè allor sarìa pian pian,
    160Che la barca andasse storta.

Sti serventi no me piase,
    E quà mi no parlo a caso,
    Co i se cazza in te le case
    164I vuol dar per tutto el naso.

Co'l respetto và da banda,
    E no i gà più suggizion,
    Xe pò allora, che i comanda
    168Assae più de chi è 'l Paron.

I và là stì innamorai,
    Come quei, che va alla giostra;
    E i ghe stà tanto taccai,
    172Che la manco parte è vostra.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/102&oldid=64390"