Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Mi no son Caval ombroso,
    Perchè gò imparà ai me zorni,
    Che un Marìo che xe zeloso
    144Xe più esposto a aver i Corni.

No credè, che sia nemigo
    Dei spassetti, e che me piasa,
    Come quei del tempo antigo,
    148Che la staga sempre in casa;

Mi no digo, che la lassa
    El teatro, e gnanca el ballo,
    Basta, che la staga in cassa,
    152Co ghe canta qualche gallo.

Certi bassi discorsetti
    Fatti in recchia là per fianco,
    Se no i xe basi perfetti,
    156I xe quasi poco manco.