Pagina:Raccolta di proverbi veneti.djvu/376

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina no la xe stà gnancora trascrita.

362 PROVERBI DBI SETTE COMUNI VICENTINE Ist da net a hunt a so pöse, ba da net schüttelt'in schbanz. Non v'è cane tanto cattivo, che non scuota la coda. Bildu bizen bear ist der vater un de muter, gehin in hir haus, hoar de boart, un luk de dinoste. Vuoi sapere chi sia il padre e la madre, entra in casa, ascolta lor parole, e guarda le loro opere. Tüha net allez baz de mak; küt net allez baz de boast; glob net allez baz de hoarst; gib net allez baz de hast. Non far tutto quel che puoi; non dir tutto quel che sai: non creder tutto quel che senti: non dar tutto quel che hai. Zegen jahr akint, zboanzk an billez dink, draizk a a man, viarzk a stam, vühzk man stehn, sezk abe gehn, sìbenzk alt, azk pame stäbelen, naünzk a spoat, hundart da ganademe Got. Dieci anni un bambino, venti cosa selvatica, trenta un uomo, quaranta un ceppo, cinquanta può stare, sessanta discende, settanta vecchio, ottanta col bastone, novanta una burla, cento vi faccia grazia Iddio. Alle bölten liarnen, az kostet nìcht. Tutti imparerebbero, se nulla costasse. De henna ist 'me armen manne, un der reiche ìzetse. La gallina è del povero, ed il ricco se la mangia. In ulle de manade ab de habent koan R; laz 'z baip gehn un nimm 'z glas. Nei mesi senza R, lascia andar la donna e prendi il bichiere. Ba 'z bazzer ist mavor hoter, da ist grözer de tiefe. Ove l' acqua è più chiara, ivi è maggior profondità. Net alle böra machet regen. Non ogni nube apporta pioggia. An ilchar tag ist jag-tag; aber net an ilchar tag ist snop-tag. Ogni giorno è giorno di caccia; ma non ogni giorno è giorno di preda. An ilchar mak vehlen, vehlt der Faf af an alter. Chiunque può errare, erra il Prete sull'altare. De armakot ist a bia der doat, von viel galobet, von koame galiebt. La povertà è come la morte, da molti lodata, da nessuno amata. De armakot hat net vreünte net freüente. La povertà non ha parenti-, né amici.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_proverbi_veneti.djvu/376&oldid=71860"