Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/511

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


(193) La malattia del fanciullo, detta dai medici Cifosi, è quella che attacca l'osso della schiena, lo fa crescere fuor di modo, e ne consuma la interna midolla. Terminò quindi la vita per consunzione, coperto di piaghe, dopo sette anni di sofferenze crudeli.

(194) Allude alle belle forme del bambino prima della malattia.

(195) La malattia del puttello ebbe principio nell'età di anni con dolori acutissimi alla spina dorsale, che lo svegliavan la notte. Nelle antecedenti quartine l'autore allude ai doni, che al proprio figlio avea prodigato natura; specialmente la musica lo faceva divenir convulso.

(196) Bisognava curargli le piaghe tre volte al giorno, e tale operazion si faceva da sua madre con tutto l'eroismo d'un'anima amorosissima. Due ore sole prima ch'ei muoia la madre si allontanò dal suo letto.

(197) Alludesi all'antico uso di eseguire in Treviso corse di cavalli sciolti e montati nel giorno di san Martino con apertura del teatro.

(198) Il Martignon fu autore per alquanti anni d'un almanacco intitolato El Corier senza una gamba, ridondante di novellette locali presentati con molto spirito.

(199) Qui si allude alla perdita fatta dai conjugi Giovio di un figlio unico, onde cercarono una distrazione nel soggiorno di Venezia.

(200) Spiridion Castelli.

(201) Il cav. Angelo Mengaldo fu dei pochissimi italiani, che ritornarono dalla famosa campagna di Mosca.

(201) Jacopo Mantovani, seguace di Astrea e delle muse.

(203) Giuseppe Ancillo, farmacista chimico, e buon poeta vernacolo.

(204) Nicolò Streffi gentile poeta bernesco.

(205) Pietro Buratti, scrittore di poesie classiche nel dialetto veneziano, nella maggior parte però delle quali la licenza va unita alla satira.

(206) N. U. Vittore Benzon.

(207) Giuseppe Bombardini di Bassano.


Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 511 crop).jpg
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/511&oldid=70113"