Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/503

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Oselar Uccellare
Paca Percossa
Pagiazzo Pagliericcio, dicesi anche per balordo
Pair Pagare il fio
Paluo Palude
Pampano Scioccone, allegoricamente
Panchiane Invenzioni, bugie
Pandolo Giuoco di fanciulli, dicesi anche per minchione
Parar Spingere
Peada Calcio
Pegio Guardatura brusca
Penariol Agoraio
Peochio Pidocchio
Pergolo Poggiaolo
Permalin Chi se n'ha a male facilmente
Petegolo Chiaccherone; e che riporta gli altrui fatti
Pezzente Pitocco
Pisolar Dormigliare
Piturar Pitturare
Pitima Stucchevole; seccatura
Poco su poco zo A un di presso
Polegana Flemma, lentezza
Porcole Busse
Potachieto V. Fufigna
Pusarse Appoggiarsi
Quindese (un da) Quindici soldi
Radego Differenza, divario
Rambar Portar via con rapidità
Rantego Rantolo
Rasador Rasoio
Rassar Raschiare
Regata Gara di barche
Repetarse Rimettersi
Ridada Risata
Rosegar Rosicare, dicesi anche per rimbrottare
Ruspio Ruvido, dicesi anche per zecchino veneto; e per uomo di cattive maniere
Ruzene Ruggine, rugginoso
Rumegar Ruminare, ed il masticare dei vecchi sdentati
Salampa Donna imbarazzata nei propri fatti
Salgher Salcio o salice; e uomo rozzo
Sbalà Uomo senza denari
Sbecotarse Bezzicarsi
Sbregarse Squarciarsi, lacerarsi
Sbrissare Sdrucciolare
Sbrufar Spruzzare, e si dice sbrufar da rider
Scalmanà Scarmanato, riscaldato
Scampà Fuggito
Scapolo Dicesi per uomo giovine libero
Schiappo Branco
Sbafarà Spettorato
Scantinar Mancar di fermezza, anche nelle cose
Scapuzzar Intoppare co' piedi
Schiao Addio
Schinele Malanni
Sconto Nascosto
Scorlar Scuotere
Scorsizzar L'andar su e giù per diletto con una barca
Scotà Aver dal fatto acquistata esperienza in qualche cosa, esser sta scotà
Scravazzo Scroscio di pioggia che dura poco
Sculier Cucchiaio
Scuria Scuriada, frusta da cavallo
Sempio Semplice; scempiato
Sentarse Sedere
Sestin Vezzo, smorfia, buona grazia
Sesto Scherzo, alcuna volta garbo, grazia
Setà Serrato alla vita
Sfantarse Dileguarsi
Sfiamegar Fiammeggiare
Sgalmare Zoccoli
Sgrinfe Dicesi per le zampe del gatto, ed anche per unghie
Sguatarar Diguazzare
Sior sì Sì signore
Slaca Coscia
Snombolarse Slombarsi
Sofegasso Gran caldo
Spassizzar Passeggiare
Spenzer Spignere
Spegazzar Cancellare
Spessegar Fare in fretta
Spiferar Dichiarar apertamente
Squagià Scoperto, dir cosa che si poteva tacere
Squaquarar Ciarlare
Stizzo Legno mezzo abbruciato, e uomo assai magro
Stomegoso Stomachevole; smorfioso
Storno Stordito
Strazza-mestieri Guasta-mestieri
Strenzer Strignere
Stroparse Otturare
Strucar Esser oppresso, affollato dalla calca
Strucolar Abbracciarsi, spremere i limoni, l'uva
Strussia Fatica
Stuar in bota Ammorzar sull'istante
Stufarse Annoiarsi, stancarsi
Suar Sudare
Sul far Alla foggia, sul principio
Sul far del dì All'alba del giorno
Sunar Raccogliere
Supiar Soffiare
Suporto Interesse di capitale a mutuo
Sussidio Soccorso
Sustar Magagna
Tacola Lamentarsi
Tananai Strepito
Tandan Uomo screanzato
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/503&oldid=59580"