Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/473

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



6E xe per lu ogni zorno carneval
     Mentre in mascara el corre ogni mumento,
     Ora el deventa dogia acidental,
     Vertigine, o fumana, o svanimento,
     0 gentilizio insulto, o mal contrato
     Da l'aria, da un patema, o da un contato.

7Ma nol cambia sostanza, e un ben acorto
     Medico mai no cambia medicina,
     E la raise americana a torto
     Squasi mai per combaterlo el destina,
     Che sussidiarla ben dai fanghi, e bagni,
     Certi la fa su quel umor guadagni.

8Nè i mali soli in mascara se mete,
     Ma chi xe da sti mali opressi ancora,
     E giusto un passatempo el se ripete
     Dai foresti che ariva ogni mezz'ora,
     E che apena lassadi i so paesi
     Là a intitolarse i vien conti, e marchesi.

9Xe quelo el logo dove impunemente
     Pol darse ton qualunque fìguroto,
     Dove che per mario passa el parente,
     Dove rico se crede anca el più roto,
     Dove la mantegnua passa per dama,
     Dove contessa una massera i chiama.

10Xe là dove se spende a larga man
     I titoli de conte, e de celenza;
     Conte xe el gato, xe celenza el can,
     Nissuno insoma va restar mai senza,
     E se ghe xe un sogeto anca abietissimo
     Tol su, savendo far, de l'ilustrissimo.

11Oh quanti credo per aver sto ben,
     Per esser patentai da un camarier,
     O i riva aposta, o molto i se tratien!
     E oh quante pur maestre nel mistier,
     De sconder chi le sia sinceramente,
     Trapola svelte l'inesperta zente!

12A proposito qua capita un caso,
     Che a un sedicente svelto è nato un dì,
     E del qual no saria sta persuaso
     Se no ghe fusse in parte entrà anca mi,
     Caso che molto ben tende a provar
     Quel che fin qua m'à piasso de contar.


13Gavea condoto a divertirse un toco
     Co mi una dogia che ò sposà da puto,
     Dogia che per averla ho speso poco,
     Ma che presto podeva costar tuto,
     Se per ridurla un fià manco insolente
     la Abano no andava, e prestamente.

14Là contentada in ogni so caprizio
     Carezzar la facea pien de premura.
     Là tisane, là bagni a precipizio,
     Là saroti, là fanghi, e là ogni cura,
     E credè pur, che frotole no scrivo,
     Go dà fin per quietarla arzento vivo.

15Ma dei mii sforzi mai ben sodisfada,
     Anzi più ingrata quanto più faceva,
     L'avaria mile volte abandonada.
     Ma el lassarla da mi no dipendeva,
     E intanto fra st'insulti, e sta insolenza
     Me predicava el sior dotor pazienza.

16Mentre co sta mia barbara compagna
     Parte facea d'una conversazion,
     Dove sempre qualcun gh'è che se lagna,
     Nè se canta de guai che la canzon,
     Un pocheto de spasso me procura,
     Una seconda mia nova aventura.

17Da fresco ai bagni capitada gera
     Una tal, co una vechia, e un zovenoto,
     E tuti tre che per la sola ciera
     S'avaria lucrà molto a far casoto,
     E la zovene mi za a prima vista
     L'ò stabilida una venal conquista.

18Da falsi, e boni aurei ornamenti opressa
     Più carne che vestiario espone in vista,
     Industre pompa che 'l mistier confessa
     De far de cuchi subito provista;
     La tira in rede co un saludo, e par
     Che la vogia l'amor ben trafegar.

19E questa vol el pien de la locanda
     Che de quel puto la consorte sia:
     Lodato Dio lassemola da banda,
     Za più tardi farò l'ispezion mia;
     Intanto so che per mario la 'l chiama,
     E che la vechia par che sia la mama.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/473&oldid=70097"