Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/474

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



20Descriverò la mama: alta, e grassota
     Drento a un negro andriè tuta ravolta,
     Un viso longo, un viso da marmota,
     Ma che pur mostra de l' astuzia, e molta,
     Sacerdotessa favoria de baco,
     E corsara da soldi, e da tabaro.

21No passa minga quatro dì che un puto,
     Liga co tuti tre gran conoscenza;
     Beato de sta cossa el xe per tuto,
     E i se trata co tanta confidenza,
     Che i pareva stretissimi parenti,
     O da un secolo almanco conoscenti.

22L'amigo sempre più se scalda i feri,
     E quel'altro a mostrar va gelosia;
     La signora sospira, e in gran pensieri
     Chi ghe stasse a badar la credaria,
     E a la mama el dolor pesa cussì,
     Che no la disna che do volte al dì.

23Za el nostro gazzetin de la locanda
     Profetizzava una formal rotura,
     Za stava tuti co una smania granda
     De conoscer el fin de l'aventura,
     Quando se sente dir che 'l sior mario
     Partir deve per Bressa el zorno drio.

24I amalai a sta nova i se strassina
     Da una camera a l'altra, e i fa comploto,
     Tanto più, quando i sa che madamina
     De no moverse gnanca la dà moto,
     E che 'l mario, de la so mama in cura,
     Lassa per qualche dì quela creatura.

25Felice viazo, xe quel sior partio
     Dopo d'aver pregà per la so testa:
     Bacante d'alegrezza el puto mio
     Vede per lu che l'indoman xe festa,
     Se nol ga spini, e se la vechia in saco
     A conzegnarla val vin e tabaco.

26Za la note che in Abano aparisce
     Un'ora e mezza almanco avanti sera,
     Se la luse se perde, e se smarisce
     Dala pesante opressa atmosfera,
     Chiama, e rancura in t'un istesso sito
     Quel de carogne numero infinito.


27E za anca tuti a riposar s'à messo,
     Che mi in sfesa a la porta, e in sentinela
     Stago a vardar se 'l transito, permesso
     Da una camera a l'altra, abia la bela,
     E quando el xe verificà me meto,
     Tuto a osservar da un provido buseto.

28Musa con una toa cotola strazza
     Quel che ti credi più scondi prudente,
     E lassa el quadro che a vardar me fazza
     Nela parte che sia più concludente,
     Mentre za el resto per quel fià de mondo,
     Che m'ò acquistà, mi lo conosso a fondo.

29Ma l'afar va longheto, e ben comprendo
     Che la visita i aspeta de l'aurora,
     Co la qual sicurissimo facendo
     Marenda in prima, e sie parole ancora,
     Se mi stago a aspetar che sia finio
     Resto là duro fin al zorno drio.

30Su la fronte del zovene amoroso
     A l'indoman xe scrita la vitoria,
     La bela nel penar trova riposo,
     Xe la mama modesta in tanta gloria,
     La borsa, i cuori, e 'l conto d'ostaria,
     Pretende amor che in uno unidi i sia.

31Le cosse andava ben d'una maniera,
     Che megio andar no le podea sicuro,
     Quel' altro el se atendea da ancuo a stasera,
     E a nu veder premea quel muso duro,
     Quandochè in logo soo vien per espresso
     Un fogio a nome del mio amigo istesso.

32Eco parola più, parola manco
     Quelo che nel fatal fogio ghe giera:
     «Amico mio:... di posseder già stanco
     La bella, che passò per mia mogliera,
     E smorbato assai più d'una mamaccia
     D'ambo un regalo è giusto che vi faccia.

33Godetele buon uomo in santa pace,
     Che volentieri a voi tutte le dono,
     E se il tenerle troppo vi dispiace,
     Lasciatele partir, che avvezze sono
     A ramingar da scaltre, e tal che in fondo
     Le si ponno chiamar donne di mondo.»

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/474&oldid=70098"