Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/469

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



4Lavora i sapa fango in sta stagion,
     Per portar le risposte, o le ambassae,
     Se mete anca l'amigo in compassion,
     Se 'l va presso a ste tali in ste zornae,
     E con forme cordiali el teryo tien...
     Oe disè, Gaspareto, òi dito ben?

5Mentre fra le delizie e l'alegria
     Mena diversi vita pastoral,
     Qua se la fa melensa, e dessavia,
     In t'una noia che no gh'è l'egual,
     Stando ai cafè, che no ga mai nissuno,
     O pochi nel'istà, manco in autuno.

6Se consulta una insipida gazzeta
     Per inganar se ghe xe caso un'ora,
     Ma verità no gh'è che ve dileta,
     O quele poche le ve seca, e acuora,
     E de queste el parlar no porta un fruto...
     Ghe xe el petegolon che conta tuto.

7Sempre più prosperoso, e più ridente,
     El comercio osservar spesso ve fa
     Quel boteghier, che no facendo gnente,
     Tuti chi passa esaminando stà,
     Vedè l'artista che se grata in testa,
     Che sbadagia da sono, e che fa festa.

8Camina a fronte bassa el progetista,
     Che nei progeti no ga più speranza,
     Gnente al sanser se ghe presenta in vista
     Da poder migliorar la circostanza,
     El borsariol perfìn vedè dolente,
     Perchè nol trova da robar più gnente.

9Ma in mezzo a un mal'umor de sta natura,
     Che trasforma in deserto ogni sogiorno,
     Del teatro la prossima apertura,
     Che a eseguir la se va de zorno in zorno,
     Raviva almanco, se alegria no dona,
     E de questa ghen parla ogni persona.

10Tornarà su ste scene, uno ve conta,
     Monsieur, no me ricordo, el balarin,
     Del qual la fama veritiera e pronta,
     Ga porta el nome all'ultimo confin ;
     Qua i l'à chiamà co una scritura in bianco...
     Cospetazzo (i risponde) ah gnente manco?


11Madama, no so dir, bufa famosa,
     Dela qual ghe ne parla ogni giornal,
     Benchè con una paga assae vistosa
     Vien per farghe una grazia al conte tal,
     Senza de lu no i la podeva aver...
     Grazie a madama de sto gran piacer.

12A farne palpitar da gelosia
     Qualche novo mario vien un tenor,
     Che farà desmissiar sta frenesia
     Anca a Parigi al numero maggior,
     E si là le muger manca d'esprì,
     No cambiando el galante ogni do dì,

13Da poco assae vegnù da l'Inghiltera
     Per nostra sorte el s'è trovà a Venezia,
     Dove un rico influente ha avù maniera
     De condurnelo qua per un'inezia:
     Siecento scudi, una serata, e i viagi;
     Se l'a podesto aver co dei vantagi!

14Madama (dirò el nome un altro zorno)
     D'una ecelente qualità dotada,
     E che fa da l'Olanda ancuo ritorno,
     Vien, se pol dir, per far la campagnada,
     E grazia imensa la se pol chiamar,
     Che la vegna in sto logo ancuo a balar.

15I bufi i è quei che l'apertura ha fato
     De diversi teatri i più stimai,
     Ài quali molti re ga fissà un piato,
     Che infin che i ghe lo dà nol manca mai,
     I è bufi in scena, e in corte i xe bufoni,
     E qua i fa grazia de vegnir: minchioni!

16Xe de prima quadriglia i figuranti,
     I à balà nel Prometeo un dì a Milan,
     Celebri se pol dirghe a tuti quanti,
     Nele prime cità lori ga pan,
     La mandra, insoma, o sia corpo de bali,
     La xe insigne per fato, e per giornali.

17De l'autor più aplaudio, che mai ghe sia,
     Xe la musica, squasi afato nova;
     D'ecelente scritor la poesia,
     E l'una e l'altra s'à gustà a la prova;...
     Curte l'impresa ha scomenzà co chiasso,
     E promete i spetacoli fracasso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/469&oldid=70099"