Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/470

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



18Ma un terzo che à sentio senza parlar
     Tuta sta longa imensa filastroca,
     Ragionevole trova el domandar
     Cossa de spender veramente toca;
     Se quei dai palchi el consueto esborsa,
     Se gavaremo in s. Martin la corsa.1

19Forma de varie discussìon sogeto
     La prima de le do proposizion,
     Chi pretende che i daga el consueto,
     Molti le trova fora de rason,
     De quei, che afita i palchi, i fa la lista,
     E se sa tuti i nomi a prima vista.

20Fra questi el corvo de le male nove
     Profetizza rovina a l'impresario,
     Chi smanioso se aprossima a le prove,
     E vol che invece vaga a l'incontrario,
     Se fomenta prestissimo el partio,
     E se va per sti afari avanti e indrio.

21La sera che 'l spetacolo va in scena,
     Che bacan, che fracasso, e che concorso!
     I spentoni xe a miera in quela piena,
     Vario in boca d'ognun nasce el discorso,
     E la bigonza monta i Ciceroni
     Del teatro, per piazza, e nei cantoni.

22Per quanto grato, che riuscido el sia,
     La terza sera xe ristreto el mondo,
     Quei che pol frequentar fa la partia,
     E quei che resta xe pocheti in fondo;
     Ma se no xe l'abonamento basso
     Gnanca i signori no se tol sto spasso.

23E si, se posso dir quelo che penso.
     El lassar el teatro in abandon,
     Fa prova che no gh'è molto bon senso,
     Cativissimo gusto, e direzion,
     E chi no xe un misantropo deciso
     Sarà in questo co mi spero d'aviso.

24Al teatro concore 'l negoziante,
     El possidente senza dubio va,
     L'impiegato, l'artier, le classi tante,
     In teatro se unisce in società,
     L'omo d'afari de i so afari parla,
     E sta chi ga la bela a ninfegiarla.


25Per questo dai palcheti ogni mumento
     Sporze la bela timorosa el colo,
     E co un ochio infiamà dal sentimento,
     Cerca del so pensier l'idolo solo,
     E un geloso mario, che tuto teme,
     Varda dove ela varda, e intanto freme.

26Per questo i sciali butai mezzi fora,
     Da telegrafi serve al moraseto,
     Che a segni intende co le fissa l'ora
     Co una man eloquente al parapeto,
     Per questo de parlar no fa de manco
     La ventoleta o el fazzoleto bianco.

27L'è un ricapito certo al forestier,
     Dele facende soe parla chi vol,
     Fra l'armonia combina l'usurer,
     Nela so profession quanto che 'l vol,
     E se pol dirghe armonico a quel stoco,
     Che qua più d'uno va a ridur pitoco.

28Per questo dunque stabilir me giova,
     Che un caratere spiega antisocial
     Chi passatempo grato no lo trova,
     Come tuti lo trova in general,
     Se 'l teatro benissimo chiamar
     Lo podè co rason porto de mar.

29Ma quei che ga la bela a la verdura,
     Che mal respira per no averla arente,
     De sti gusti sprezzar pol la natura,
     Nè mi per questo li condano gnente:
     Conosso amor, so cossa sia la bela,
     E che gusto xe 'l far da sentinela.

30Questi stralassi pur, fin che la torni,
     E fedeli i se mostri in sta maniera,
     Ma se avien che la vegna in pochi zorni,
     Guai se al teatro no i sarà una sera:
     Quele ventole, i sciali, e i fazzoleti,
     Soministra al Corier spesso sogeti.2

31Finio l'autuno vedarò lo spero
     Cloe deventada simbolo d'amor,
     E Nerina che chiama el mondo intiero
     A dirghe cara, e dedicarghe el cuor,
     E numerando quei che gh'è d'atorno,
     Cantarò le so glorie un altro zorno.

  1. Alludesi all'antico uso di eseguire in Treviso corse di cavalli sciolti e montati nel giorno di san Martino con apertura del teatro.
  2. Il Martignon fu autore per alquanti anni d'un almanacco intitolato El Corier senza una gamba, ridondante di novellette locali presentati con molto spirito.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/470&oldid=70071"