Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/468

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



19E se vedessi che bocon de fraca
     Per poder otegnir la scatoleta!...
     Nè xe la vista d'acquistarla a maca,
     Che 'l genio più scozzona, e più dileta,
     Ma più che 'l costo, i calcola l'efeto
     De sto veneratissimo secreto.

20Ghen pretende a ogni pato in dopia dose
     Chi ga pension per dirse inamorae,
     Lo vol diverse sfortunade spose
     Co dei vechi marii sacrificae,
     Ghen vol la dama, o 'l cavalier servente,
     Che finge un gusto de trovarse arente.

21Strepita per averlo el licardin,
     Che co le vechie fa da inamorà,
     Che mentisce un amor tanto più fin,
     Quanto ogni dì de più l'è compensà...
     Curte xe tanti, e tanti i concorenti,
     Che 'l va via tuto in picoli mumenti.

22Anca la compassìon vestia da vechia,
     Mal ferma in pie s'interna tra la fola,
     E blocando qualch'una, in t'una rechia
     Insinuante spende una parola,
     E ghe dise mostrando un tal da drio,
     «Movite a carità, varda quel fio!»

23A cavalo d'un zefiro lisìer
     Favor svolazza da sta parte in quela,
     Invidia lo persegue a più poter,
     E gelosia tastandose in scarsela,
     Ustinada d'aver visto el sicuro,
     Trova tuto puntivo, e tuto duro.

24A tanti colpi de diverso peso
     Le ferie se spalanca in t'un istante,
     E se 'l cuor per fortuna el resta ileso,
     Almanco la rason xe vacilante;
     Vulcan intanto se conforta lu,
     Disendo, nela scuola eco un de più.

25Qua gh'è teatri, e in vila no ghe n'è
     Qua continui foresti, e là nissun,
     Da novo gnente mai no sentirè.
     E un politico là resta a desun,
     Qua almanco grazie a Dio matina e sera,
     O se teme, o se crede, opur se spera.


26L'oro e l'arzento per le strade trato,
     Se gh'augura el bon viazzo incassetà;
     E no avendolo almanco ne xe grato
     De saver quanto l'è, dove che 'l va,
     E tuti gode dir podendo, oh dio
     Tra quel'oro ghe n'entra anca del mio!

27Insoma cossa strazio el tempo adesso
     In tanti, e tanti inutili confronti!
     A strussiarme cussì no xe l'istesso,
     Che vaga a provocar chi sarà pronti
     A favorir de l'aseno in risposta,
     Monea cuniada per ste cosse aposta!

28No no, chi vol se la diverta fora,
     Tra Satiri e Napee fin che ghe piase,
     E de la vila soa che i la discora,
     Come megio i la vol, che i lasso in pase,
     Za mi ho deciso, e da de qua no sorto,
     Se non quando ingrassar dovarò l'orto.



L'AUTUNO CITADIN.


1I benefici influssi alla campagna
     Chiama della stagion la magior parte,
     La vila più, che la cità guadagna,
     Parte le bele, i cavalieri parte,
     E qua no resta che chi ga el dispeto
     De no aver qualche campo, e un tugurieto.

2Scalzo l'autuno, e imbrodolà dal mosto,
     Fa i complimenti, e lu se va a incontrar;
     Chi in mezzo alle campagne al fin d'agosto
     Solazzosi se porta a prindesar,
     Ai capi de famegia intanto un como
     L'abondanza ghe prepara ogni zorno.

3Per questo i zerbinoti in desossè
     Passegia in malumor per ste contrae,
     Perchè la tenerissima moatiè
     Resta lontana oh dio! per più zornae,
     E d'andarla a trovar nol trova el conto,
     Nè i soldi sempre, o l'equipagio pronto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/468&oldid=70091"