Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/467

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



5Xe la delizia de chi sta in campagna
     L'insidiarghe la vita a l'inocente
     Passaroto cordial, che la compagna
     Cerca trovarse no temendo gnente,
     E per questi va a l'apice el solazzo
     Quando casca el meschin drento del lazzo.

6Qua invece l'oselae xe d'altra sorte,
     E i merloti, che casca in quela rede,
     Barbaramente no vien trati a morte,
     E invece a tripudiar qua se li vede,
     Perchè quando le pene i ha ben lassà
     Se averze 'l lazzo, e i resta in libertà.

7Co tuto l'entusiasmo a decantar
     Sento le passegiae sentimentali,
     Che proteti dall'ombra se va a far
     Quando più scalda el sol da certi tali,
     E ascoltandoli lori i par decisi
     A no sperar quei gusti ai campi elisi.

8E da nu no ghe xe forsi altretanto
     Per el studioso, e l'omo inamorà,
     Ombrosi siti, e solitari tanto?
     No gavemo anca nu fora, e in cità,
     E no se vede forsi andar vaganti
     Sapienti, disperai, mami, e galanti?

9Quando Fetonte la quadriga smonta,
     E precede la note un zefireto,
     Qualche onesta Napea se vede pronta
     Sortir al fianco de l'amato ogeto.
     E sti passegi, e l'ombre ha tal virtù.
     Che quel par un parente, e no l'è lu.

10Longo la riva d'un tranquilo fiume
     Se sente a stirachiar crome galanti
     Quel fervido amator che ga el costume
     De starghe a chi el vol ben sie passi avanti;
     E l'acqua, e l'aria, e quel beato sito,
     Par che risponda: «sior macaco zito. »

11Uniti a congiurar contro el bon senso
     In rimote campagne altri vedè,
     Dandoghe ai so secreti un peso imenso,
     Secreti che saver presto podè,
     E a sti dialoghi l'eco e la campagna
     Dise a chi più ragiona «Oh! che lasagna».


12Contro l'amor platonico laora
     Intento el peruchier via de paron;
     E tanto el pol quanto più scura è l'ora,
     E i platonici, messi in convulsion,
     Drio ghe core, e trovando un vago viso,
     Platon ga in bota poro gramo un sfriso.

13Se 'l monotono son d'agreste legno
     Chiama nei prai le piegore sbandae,
     Se ai pigri tori el fa cambiar contegno,
     Che deventa più alegri, e svelti assae;
     Se scherza el beco, e salta la vedela,
     Credo sta scena interessante e bela;

14Ma no per questo convegnir mi devo
     Co chi le glorie de la vila spande,
     Che analogia de gusti, e de solievo,
     No gabiemo anca nu qua da ste bande,
     Anzi rispondarò che ancora in questo
     Semo copiai come za in tuto el resto.

15Foriera del riposo apena l'ombra
     Cala apianin dai teti citadini,
     Che vasta piazza in t'un mumento ingombra
     Se vede da galanti, e da zerbini,
     Che aletai da un sonar ben regolà
     Spenze per arivarghe, e i ghe xe là.

16Fin che d'Euterpe dedicadi al culto
     Spande el fià da per tuto i so seguaci,
     Mercurio no ghe bada, e fa l'insulto
     De mandar dei so puti i più capaci,
     E mentre Enterpe ve desmissia afeti
     Roba sti spiritosi i fazzoleti.

17Venere sempre mata, e capriciosa,
     Ne le sudite soe svegia el morbin,
     Nè distinguendo vedova da sposa,
     Tenta meterle tute a quel confin,
     E se la trova qualche renitenza,
     Pur de spontarla adio siora prudenza.

18Amor, so fio, che ghe xe sempre a lai,
     Tira colpi da mato ogni mumento,
     Interesse, e capricio, accompagnai,
     Fa doni a larga man d'un certo unguento
     Che da quei svelti chimici è chiamà,
     «Secreto per mostrar cordialità.»

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/467&oldid=70087"