Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/460

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


POESIE


DI


VINCENZO FOSCARINI.


SONETI.



I.


Scrivo su tuto per passarla via,
     Per inganar la nogia de la vita,
     Ma dovarave ogni scritura mia
     4Sbregar, brusar, subito dopo scrita.

Cussì a l'autor vergogna no faria
     Tanti spegazzi de una pena ardita,
     Che fa torto a la santa poesia,
     8E va a fenir fra le scarpìe in sofita;

Ma oimè che semo tuti quanti eguali,
     E dal nostro amor proprio inzinganai
     11Se credemo colone, e semo pali!

Torto per questo no se demo mai,
     Per questo femo al mondo dei regali,
     14Che sconti staria ben come i pecai.

II.


Da nissun mi no vogio coplar gnente,
     Che za senza volerlo copiarò,
     E de le cosse in rima ve dirò,
     4In versi, o in prosa, scrite da altra zente.

Tanta roba se stampa al dì corente,
     E tante vechie carte visto go,
     E lete, e meditae, che mi no so
     8Se nove idee possa vegnir in mente.

Libri novi se dà, gh'è autori novi,
     Ma da novo pensieri no ghe xe,
     11Se ti, o Giove, dal ciel no ti li piovi;

Dunque, cari letori, perdoné,
     Se quando in testa se me rompe i vovi,
     14De quel gusto dei altri li trovè.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/460&oldid=61614"