Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/459

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SONETTO

DI

EMMANUELE CICOGNA.





A NOME DEI PARROCHIANI

PER LA ELEZIONE

DI DON GIOVANNI CAO

a Piovano di san Zaccaria di Venezia.



Eleto xe piovan don Zuanne Cao
     Anagrama purissimo de coa:
     E infati de nu tuti lu xe cao,
     4Che drio ghe andemo come agnele in coa.

Poco à mancà che un altro fusse cao
     E Cao dasseno deventasse coa:
     Tanto gera el concorso da ogni cao
     8De chi voleva meterghe la coa.

Ma no i à podesto vegnirghene a cao:
     I à fato fiasco; i ga sbassà la coa,
     11E no ghe resta che tornar da cao.

Cussì à volesto chi xe Cao e Coa;
     Quel Dio che umilia chi va tropo in cao,
     14Quel Dio che esalta chi se mete in coa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/459&oldid=61613"