Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/436

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     245Le done in sto mumento
     Xe quele che à da far la gran difesa,
     Ma no minga co spade o co pistole,
     Ma siben co le nostre arme da ofesa,
     Vezzi, lusinghe, ochiae, grazie, parole.
     250Qualche bela doneta de bon sesto
     Fazza del professor la conoscenza,
     E coi nostri secreti presto presto,
     La lo inamori in barba a la sapienza,
     E quando come un musso l'è inzucà
     255De lu quel che voremo se farà.
Ga aprovà sta opinion un'orfanela,
     Fiola de do gramazzi poveromeni,
     Che per esser graziosa fresca e bela,
     E proteta da certi galantomeni,
     260Sempre più el so stato se migliora
     Col mistier onorato de la siora.
Mi go interesse, dise sta regazza,
     Che sto dotor el vaga via scornà,
     Che assuefata a magnar pan e spuazza
     265Co xe morta mia mare o respirà;
     Ancuo mi me diverto zorno e note
     Alora avemarie, polenta e bote.
Amici cari, mi el mistier conosso,
     Fideve pur in mi che me esibisso,
     270Che i pani i so tagiar sora ogni dosso,
     E in tre dì sto dotor lo inasenisso;
     Giusto sti doti al solo odor de un cotolo
     La testa i perde, e i zira come un trotolo.
Mi ò studia per principii l'arte mia
     275E so le suste che tocar bisogna,
     Coi boni doparar l'ipocrisia,
     L'umiliazion coi richi, la vergogna
     Coi regazzi mostrar e la passion,
     E coi sapienti far le adulazion;
280Ma mi farò... «Che farai tu, cerasta
     Di società? vil donna
     Ludibrio della gonna»
     Dise un poeta, al qual sempre contrasta
     La cena col disnar, perchè el viveva
     285Tirandola a la megio che 'l podeva
     Co dediche e soneti,
     Co qualche traduzion,
     Che fava compassion,
     E scrivendo a impressari dei libreti,
     290«E che, el dise fra lu coi cavei dreti,
     Se torna redivivo
     O Ariosto, o Tasso, o Metastasio, o Zeno

     Non solo io più non scrivo
     Ma non desino, oh dio! ma oh ciel! non ceno.
     295Che farai tu, rifiuto della rocca,
     Vivi a' malvagi, che a te no, a me tocca,
     A me figlio di Apollo
     Quell'anima piegar: pianger vedrollo,
     E il trarrà a forza a' desiderii miei
     300La magica armonia della mia cetra
     S'avesse il cor di pietra,
     Se contra congiurassero gli dei.
     E qual la polve ardente
     Dall'eneo tubo lunge il piombo scaglia,
     305Così l'uomo di vaglia
     Fuggir ratto farò da questo lito,
     Il sovruman risorgitor valente,
     Comosso, stupefatto, sbalordito.
     Alla grand'opra io volo,
     310Se il merto fia mio sol, fia di me solo
     Il vostro premio. Amici miei coi carmi
     Di tal vate, tal'uomo si disarmi.»
Lu core via a compor la so cantata
     E nol sente cussì una gran risata
     315Al grotesco pensier de mandar via
     El professor a colpi de poesia.
Alora salta suso
     Un certo sior Ilario;
     (Gesumaria che muso!)
     320El gera stà sicario,
     E po fato ispetor,
     E deventà un signor.
El dise: corpo... e via;
     Sta buscara me seca;
     325L'impiego perdaria
     Restando a boca seca,
     Che sto ressuscitar
     Perdia me fa tremar,
     Che l'ispetor ch'è morto
     330Ocuparia el mio posto.
     Se ancuo son quieto in porto
     Mi perdo el lesso e 'l resto.
     Perdia torno sassin
     Se nasce sto tantin.
     335Sarave persuaso
     Cavarselo dal cesto;
     Mi solo fazzo e taso,
     E me destrigo presto,
     Se fussi in opinion,
     340Co un colpo de piston.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/436&oldid=68429"