Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/435

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Torno sargente e forsi caporal;
     150E che la stagà là, perchè sicuro
     Se va avanti sto afar torno tamburo.
     Trenta se fa sentir,
     Squasi nissun capir.
     Diese se sente dir: e mi, e mi,
     155Che l'è cussì, e cussì.
     Altri vinti a sbragiar: sentì, ascoltè
     De mi come la xe.
     Co una vose da toro alfin un cria:
     Via tasè, pofardia!
     160E un drio l'altro parlemo
     Se volè che qualcossa decidemo.
     Sta sbragiada improvisa de sto tal
     Xe seguia da un silenzio universal.
     Alora el dise lu tranquilamente:
     165Qua semo in tanta zente
     Chiamai da la paura,
     Che qualche morto tornà in carne e in pele,
     Sortindo vivo da la sepoltura
     El ne vegna a secar le tavarnele;
     170Ma pur in tanti e tanti
     Chi d'un tal morto, e chi d'un altro teme,
     Perchè avemo motivi in fondo oposti.
     Se andar volemo avanti,
     (Posto che semo tuti quanti insieme)
     175Separemose quieti in tanti posti,
     E cercando chi à simile rason
     Coi compagni se unissa in t'un canton,
     E co sta division fata gavè,
     E che ogni causa la sarà racolta
     180Da ogni circolo, alor quanti volè
     Deputè de parlar uno a la volta.
     A tuti la ga piasso sta opinion,
     E i l'à adotada per aclamazion;
     E per mostrar che ben l'avea disposto
     185I va un drio l'altro a scielgerse el so posto.
In t'un circolo i richi va e i signori,
     Che trema che ghe torna i compatroni;
     Va in t'un altro le cariche e i priori,
     Che perder no vorave i sedioloni.
     190Qua poeti moderni e professori,
     Che ga paura de parer minchioni;
     De là ghe xe fin qualche camarier,
     Che ga el spagheto de tornar stafier.
Là un circolo ghe xe de vedovele,
     195Che à fufa che ressusciti el mario:
     Quà un bozzolo se fa de tose bete,
     Che se torna so mare le à finio;
     Là fradei che no brama le sorele,
     Qua tutori che à fato el ben de dio;
     200Gh'è fin dei trufaldini e dei tartagia
     Che a menzionar Sachi e Fiorili i ragia.

Xe'l preopinante fato presidente
     De tuta quela zente,
     E un camarier novelo,
     205Stafier do mesi avanti, e là bidelo
     Interinal, el cria:
     Se qua tra tanti e tanti
     Omo o dona ghe sia,
     Che possa consegiar, se fazza avanti.
210Certo prior, no so se negro o bianco,
     S'alza su dal so banco,
     L'ochio su tuti maestoso el zira,
     Po a l'uditorio fa una riverenza,
     E movendose a susta,
     215La bareta e la tonega el se giusta,
     Un fazzoleto neto fora el tira
     El se suga, el se raschia, e po el scomenza:
«Quod Deus conjunxit non separet homo.
     Onnipossente tu, tu quel c'hai fisso
     220A esistenza un confin, che torni l'uomo
     Donde sortì, alla polve, il tuo prefisso
     Sovvertirà un mortal? Chi giace estinto
     Sposo è di morte, ed il connubio atroce
     L'orrido laccio, cui l'ha morte avvinto,
     225Spezzato esser non può che da tua voce.
     Quale orror se ciò nasce! Io capo scelto
     Di mia sacra famiglia, onor, decoro,
     Possanza, da un prior già morto svelto
     Vedrommi? tornerò frate da coro?
     230Si corra al tempio, e nel fatal periglio
     Voti e preci sciogliamo. Ecco il consiglio.»
Co l'à finìo una certa vedovela
     Ancora fresca e bela,
     Che per el morto sposo
     235No la vorave perder el moroso,
     La dise: reverenda, la perdona,
     Xe vero, l'orazion xe santa e bona,
     Ma quando che 'l pericolo sovrasta
     Forza e destrezza in opera se meta,
     240Che l'orazion, caro el mio ben, no basta,
     Co 'l pericolo gh'è quel che l'aspeta
     Armà de torzi, salmi, e prussission,
     Deventa oselo anca s'el xe un lion.
     Eco el mio sentimento;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/435&oldid=68424"