Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/423

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'ASENO.


Un contadin da un so compare è andà
     A ricercarghe in prestio el so somaro
     Per andar al marcà;
     E l'altro dito ga: compare caro,
     5Mi volentiera ve faria el piacer,
     Ma con mio dispiacer
     No ve posso servir, che a un mio vicin,
     L'ò dovudo imprestar
     Per andar al molin.
10In sto mentre mo l'aseno a ragiar
     S'à messo a una maniera
     Che à fato ben capir che in stala el gera.
Come ò da creder mai, compare mio,
     El primo à replicà, co l'à sentio
     15Mo l'aseno a ragiar, che veramente
     Lo abiè imprestà a nissun, quando el se sente
     Anzi adesso a ragiar? L'altro à sogionto:
     O la sarave bela che in confronto
     De l'aseno, compare, me metessi,
     20E che piutosto a lu che a mi credessi!
          No ocore replicar
          A l'omo che servizio no vol far.



EL GARZON FURLAN.


1Tre zoveni bizzari avea osservà
     Che un furlan per garzon a un'osteria
     Da pochi zorni gera stà impiegà,
     E in testa gh'è vegnù sta bizzaria,
     D'aspetar che 'l paron fusse lontan
     Per far una burleta a sto furlan.
2Entrai ne l'osteria donca al garzon
     I à dito, de voler lori disnar;
     E lu li à ben servii con atenzion,
     Perchè i avesse contenti da restar.
     Infati à magnà questi a crepapanza
     Senza, per cussì dir, che roba avanza.
3Portà po el conto, uno de lori a dito,
     (Siben che 'l conto fusse assae indiscreto)
     A sto garzon: ti n'à servio pulito,
     E se vede de più che ti è discreto,

     Donca è dover pagarte intieramente,
     Anzi la bonaman donarte arente.
4E tolta in man la borsa à fato veder
     Che l'avea dei zechini e dei ducati,
     Disendo: amici, no vorè recreder
     Che mi paga per tuti, perchè infati
     Toca pagar a mi, mentre a disnar
     L'altro zorno son stà senza pagar.
5Sior no, el secondo à dito, no convien,
     Nè mai permetarò che vu paghè,
     Gavè pagà altre volte, e no va ben
     Che sempre a l'osteria ne superchiè.
     El terzo francamente à po sogionto:
     A mi toca a pagar, amici, el conto;
6O' magna a vostre spese i dì passai,
     E dopo tante volte toca a mi.
     El primo rispondea: no sarà mai;
     E questionando i andava via cussì.
     Infin quel altro à dito: la question
     Decida donca, amici, sto garzon.
7E voltandose a lu: caro fradelo,
     Fenissi ti sto afar; te bindaremo
     Col fazzoleto i ochi, aciò, che quelo
     Che ti ti chiaparà, mentre saremo
     Intanto qua aspetando quieti e muti,
     Abia elo solo da pagar per tuti.
8Persuaso el garzon, senza rifleter
     A quel che podea nascer, e ch'è nato,
     S'à lassa ai ochi el fazzoleto meter,
     E mentre ch'elo andava via de fato
     Cercando qua e de là chiapar qualcun,
     Da l'osteria bel belo è scampà ognun.
9Xe arivà in quel mumento el so paron,
     Che gnente no saveva de sto afar,
     Urtando senza acorzerse el garzon,
     El qual mo suponendo de chiapar
     Un de quei tre, ga chiapà aponto lu,
     Disendoghe: pagar ve toca a vu.
10O pofardio! credarò ben de sì,
     Informà de la cossa, à dito l'osto,
     Che pagar, sior minchion, me toca a mi.
     Vostro dano, mi gavaria risposto:
          No bisogna fidarse dei garzoni,
          Ai negozi à da tender i paroni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/423&oldid=68600"