Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/420

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Dando un pugno a sto tal tanto potente,
     Che ga fato saltar de boca un dente;
     E co sto segno alora
     75No 'l diavolo, ma el dente è vegnù fora.
          El creder a sti ossessi veramente
          No xe degno del secolo corente,
          Ma un'ignoranza crassa
          Ancora resta ne la zente bassa.


EL TUTOR.


Un tutor gavea le intrae
     Del pupilo consumae.
     In giudizio a render conto
     L'è chiamà circa sto ponto.
     5El pupilo, che à cità
     Sto tutor, cussì à parlà:
     Mio sior pare m'à lassada
     Una bela e grossa intrada;
     El tutor, ch'è qua presente,
     10M'à ridoto senza gnente,
     Fazzo istanza aciò me sia
     La mia roba risarcia.
     El sior giudice (parlando
     Col tutor) dise: comando
     15Presentar vu al mio ministro
     Ogni libro, ogni registro
     De la spesa, e de l'intrada;
     Che ogni cossa sia incontrada
     Per poder co fondamento
     20Dar giudizio in sto argomento.
Tuto inteso dal tutor,
     Trando a parte ogni rossor,
     El s'à messo in zenochion
     Dimandando compassion
     25Con el dirghe: ve protesto
     Che altro libro no ò che questo
     Che ve mostro: ecolo quà,
     E la boca el ga mostrà,
     Sogiungendo, che l'intrada
     30Per de là gera passada;
     Po, voltandoghe 'l dadrio,
     Per de qua tuto è sortio,
     E se vede dal bilanzo,

     Che no gh'è gnente d'avanzo.
     35Mal apena che l'avesse
     Elo infati le braghesse
     Per el capo soo più bon;
     Tanto el gera crapulon:
          Quando tuto è consumà,
          40Adio conti: xe saldà.


EL PORCO.


A Mestre un benestante
     Un belissimo porco avea arlevà,
     Che gera de grandezza esorbitante.
     Un certo so vicin, che avea osservà
     5Sto famoso animal,
     Ga dito un dì a sto tal:
     Compare, avè un porcelo
     Che xe una maravegia, grasso e belo.
Ma l'altro ga risposto: amigo mio,
     10Cossa serve che belo e grasso el sia
     Se quando lo avarò distribuio,
     La manco parte la sarà la mia?
     A mie sorele muneghe
     Ghe ne vol una parte, un'altra al medico,
     15Un'altra a sior piovan,
     Un'altra a mio zerman,
     Un'altra a mia cugnada;
     E po roba salada
     Da dar a questo a quelo.
     20Cussichè posso dir: adio porcelo.
     Se savesse trovar qualche pretesto
     Per scansarme da tuti; oh ve protesto
     Che molto volentiera lo faria,
     E tuto quanto mi lo magnaria.
25L'amigo ga sogiunto: donca mi
     V'insegnarò el secreto; fè cussì;
     Via da de qua mandelo,
     E a chi domanda: dov'è andà el porcelo?
     Diseghe: el me xe stà
     30L'altra note robà,
     E cussì sarò esente
     D'averghe da dar gnente.
Bravo! sior sì, pulito,
     (Quelo dal porco à dito)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/420&oldid=59455"