Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/375

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



23Se Cerbero è crudel, come vien scrito,
     Sto Cerbero ze un can che sta a l'inferno,
     E in quel bruto paese a lu è prescrito
     De spapolarse l'anema in eterno,
     Nè imputarghe xe lecito a pecato
     Se 'l sodisfa el dover del proprio stato.

24So ben che la canicola se acusa
     Dei calori spietai che la ne manda.
     Perchè i prodoti de le volte brusa;
     Ma dal calor istesso, che tramanda,
     La gran vegetazion deventa ativa,
     E la total maturità deriva.

25So che in Omero Achile indemonià
     Contro d'Alcamenon, che gavea sconto
     Briseide polpetina inzucarà,
     Per far al rapitor un vivo afronto
     Ogni qual volta che de lu el parlava,
     Ochi da can co sprezzo el lo chiamava;

26Nè me ze ignoto che per indicar
     La maledica rabia iniqua e fiera,
     Che blastemando à fato un dì crepar
     La consorte de Priamo, Ecuba altiera,
     Subito dopo morta la ze stada
     In t'una bruta cagna trasformada;

27E so pur che Diogene la zente,
     Per la mordacità dei so discorsi,
     Lo intitolava can publicamente,
     E dopo tanti secoli trascorsi,
     Perchè maligni critici e mordaci,
     De cinici ga el nome i so seguaci.

28Ma so ancora che Osiride egizian
     Prima d'Achile e d'Ecuba portava
     Su le insegne la imagine d'un can,
     E co testa da can se venerava
     Dal popolo d'Egito come un dio
     El sucessor d'Osiride e so fio.

29Sta onorifica e pia predilezion
     Val ben de più che titoli inventai
     Da invidia, da caluma, e da passion,
     Nè mai ze sta i strapazzi calcolai
     Per verità inegabili e sicure,
     Che in giudicar le serva de misure.


30Se aborisce nel can l'idrofobia,
     E l'oror che la infonde ze scusabile;
     Ma no l'è un vizio, l'è una malatia,
     Nè a colpa mai del can la ze imputabile,
     Anzi spesso da incuria la procede
     De quei che ai so bisogni no provede.

31Zela colpa dei omeni se i ga
     Tisi, variole, tifo petechial,
     Che tanta strage sempre à fato e fa,
     E insinuando el so velen fatal,
     Quanto l'idrofobia, manda in campeto
     Tanto quel che lo assiste che l'infeto?

32E in materia de umane malatie,
     Quanto i omeni mai no s'in procura
     A furor de imprudenze e strambarie,
     O col sforzar continuo la natura
     Co mile intemperanze e sbrodeghezzi!
     Mentre i cani no fa sti bestialezzi!

33No me disè che el can publicamente
     Co tropa libertà fazza a l'amor;
     Rispondo che 'l lo fa semplicemente,
     Nè 'l se ne intende un aca de pudor,
     E po se 'l ve fa rabia custodilo,
     E deghe bon esempio, e compatilo.

34Nè me disè che i sia fieri e crudeli
     Perchè i assalta, i morsega, i spaventa;
     Chi ze quei che li arleva; via chi zeli
     Che li uzza, li stuzzega e violenta,
     Che li amaestra a deventar baroni,
     E a scordarse el caratere de boni?

35Nè me disè che in mezzo d'una cazza
     A la bestia più utile che esista
     Le rechie crudelmente i sbrega e strazza
     Che sta bela virtù da l'omo i acquista,
     Che no ò mai visto un can contro un bo spinto
     Le rechie a morsegar per proprio istinto.

36Se del can ve lagnè perchè qualcuno
     Contro l'omo se aventa a morsegar
     El can se lagna perchè gh'è più d'uno
     Che fieramente i trata a bastonar;
     E per la lege antica del talgion
     I cani gavarave più rason.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/375&oldid=70095"