Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/374

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



9Nè posso trascurar de far menzion
     De quei cani amorosi, che a salvar
     Dal rischio de negarse el so paron,
     I è sbalzai in acqua pronti, e col chiapar
     Coi denti un lampo del so vestimento
     I l'à condoto vivo a salvamento.

10E un omo scelerato, un omo tristo,
     Col titolo de can s'à da chiamarlo?
     E sto titolo è giusto? N'ò mai visto,
     Per quanto m'abia messo a contemplarlo,
     Che sia l'indole soa tanto perversa,
     L'ò trovada anzi sempre assae diversa.

11Chi ze del can più pronto e più ubidiente,
     Se fin na ochiada, un moto a lu ghe basta?
     Arossissa quel spirito indolente,
     Che a far el so dover manca e contrasta,
     E specialmente le signore done
     Contradicenti tanto e testardone.

12Chi pol vantar del can la mansuetudine?
     Forsi quei che maligni e intoleranti
     Se irita per sistema e consuetudine,
     0 quei che in società sempre insultanti
     Senza satirizzar no i verze boca,
     E mile impertinenze in viso schioca?

13Chi grato più d'un can, chi più de lu
     Riconoscente a chi ghe fa del ben?
     E pur vivendo sempre tra de un
     Nol beve de l'esempio el rio velen,
     De malsesti pagando le atenzion,
     E i benefizi de persecuzion.

14Omeni, l'amicizia che vantè
     Zela proprio sincera? ela invariabile
     Co un amigo infelice abandonè?
     Quando co ipocrisia la più esecrabile
     A l'amigo insidiè borsa o l'onor,
     Aveu tolto tra i cani el precetor?

15No i cani no dà minga ste lizion,
     I so afeti ze fermi, ze sinceri,
     E quando in vita i ga aprezzà el paron
     I difende el so corpo arditi e fieri,
     E fin su la so tomba i urla, i zeme,
     Squasi disendo: sepelime insieme.


16No i cani, i fati parla, no abandona
     I so amici paroni a la sventura;
     A Venezia ze nota a ogni persona
     La istoria de quel can che avea la cura
     Per el paron d'andar a pitocar,
     E agiuto fedelmente a lu portar.

17O fedeltà del can superba e rara!
     Virtù che sora tute in lu se amira!
     Mile esempi la fama esalta e nara,
     E in ogni parte, dove Febo zira,
     De cani fedelissimi l'istoria
     A' lassa onoratissima memoria.

18Donca el can per caratere ze bon,
     Mansueto, cordial, riconoscente,
     Vero amigo, e compagno fedelon,
     Sichè sarà onorifico a la zente
     Sentirse dar del can da st'ora avanti,
     Can de qua, can de là, da tuti quanti.

19E se alcun in progresso vien chiamà
     Fio d'un can, cuor da can, razza de can,
     De risponderghe grazie l'è obligà,
     Mentre in qualunque titolo de can
     I più squisiti elogi, e più aprezzai,
     Tuti, ma tuti afato, è concentrai:

20Chiamemo pur i ladri, i traditori,
     Col titolo de gati, nominemo
     Pur volpi tuti i birbi inganatori,
     Ai crudeli de tigre el nome demo,
     De vipere ai rabiosi, e de suete
     A le nostre galanti marionete.

21Disemo porchi pur ai parassiti,
     Aseni ai malagrazie malsestai,
     Marmote o talpe a tanti scimuniti,
     Scimioti ai ganimedi strafantai,
     Puliere a le madame sfazzadone,
     E brespe a squasi tute le altre done;

22Ma vardemose ben de nominar
     Le razze dei briconi e dei inumani,
     O quei che ga piacer quando i pol far
     Ai altri un mal, col titolo de cani,
     Che una enorme ingiustizia al can faressimo
     E un caratere inproprio ghe daressimo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/374&oldid=70081"