Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/376

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



37Perchè el can ze educà dal'omo istesso
     A so propria difesa el bulo a far,
     E nol passa a far mal, che al punto messo
     I maltrati de l'omo a rintuzzar,
     E spesso drio i maltrati lu acarezza
     Chi l'à tratà co crudeltà e fierezza.

38Ze i cani insoma boni e mansueti
     Con paroni pacifici e tranquili
     Con quei che à bon umor i è sempre lieti,
     Co le done e i putei dolci e gentili,
     Nè i ze briconi che per coruzion
     D'una trista e cativa educazion.

39Quante volte ò sentio dir da la zente
     No insolentè quel can, nol stuzzeghè,
     Che lo fe deventar fiero, insolente,
     E sto fato comprova, che no ze
     El can per propro istinto natural
     Inclinà a la fierezza, e a far del mal.


40Sui talenti del can gnente dirò,
     Che nele idee no i entra del mio assunto,
     E po ze tanti i fati, che no so
     Come tratar un cussì esteso punto;
     E se go comprovà che el can ze bon
     Go afato sodisfà la mia intenzion.

41No posso nonostante obliterar
     De dir che ai nostri dì s'à visto un can
     A le carte coi omeni zogar
     Usando i denti invece de le man,
     E a scriver, e a far conti brevemente,
     In fazza a moltitudine de zente.

42Roseli, el mio lavoro ze compio;
     Nè so se el ve sarà de agradimento,
     Qualunque el sia, ve digo el parer mio,
     Scolteme, amigo, ma scolteme atento:
     La racolta sarà completa e intiera
     Se ghe stamparè drento sta cagnera.



Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845 (page 376 crop).jpg
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/376&oldid=59239"