Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/333

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


9Ma xe l'ora del pranzo, e presto presto,
     Senza vardar se ancora el sol sia in cielo,
     Se va a incontrarlo; za xe pronto e lesto
     Un lume de candela assae più belo.
     El sol per verità no ga un gran sesto,
     Lo vede tuti, e po l'è sempre quelo,
     Che'l chiaror de più lumi citadini
     Lo vede chi ga inzegno, e ga zechini.
10Ze el pranzo silenzioso, o sussurante,
     Secondo xe composti i comensali,
     Sempre za grato, e sempre consolante,
     Mentre se magna in quiete da animali,
     O 'l dialogo xe vivo e interessante,
     Come xe quel fra le galine e i gali;
     E un delizioso cocodè confuso
     De la freda rason soprime l'uso.
11Levè dal pranzo per el più giazzai,
     Ma se core al cafè, che po xe un forno,
     Se zoga là le impertinenze ai dai,
     Chi le riceve e chi le dà in ritorno;
     Se fa un comercio de odorosi fiai,
     E a le bele che gh'è se ghe va intorno;
     E quando che la fola xe più forte
     I te le struca in tel passar le porte.
12Le bele no xe tute alora in fiera,
     Molte sospira el peruchier, qualcuno
     Xe in conferenza co la camariera,
     Per farghe po al mario bater la luna:
     Chi aspeta el moroseto de la sera,
     E chi de bionda se trasforma in bruna;
     Che 'l gran ton no se trova in tabernacolo
     Se no mezz'ora prima del spetacolo.
13Manca tre orete a mezza note, e alora
     I teatri scomenza a popolarse;
     Vari el coturno e vari el soco onora;
     Quei per altro che vol paradisarse,
     Val a dir el bon ton, che più assapora,
     O a le bufone musicali farse,
     O al melodrama serio, ad ogni costo
     O ben o mal i vol trovar un posto.
14Co 'l teatro xe pien, e che la fola
     Ve fa star fissi, uniti e ben stivai.
     Xe un caldeto gustoso che descola;
     E se per acidente sè suai,
     Vien l'aria de la porta, e la consola;
     Se a l'incontro sè pochi e sparpagnai
     Xe fredo è vero, ma lo fa scordar
     Le visite geniali e 'l sussurar.

15Quel sussuro gentil che mai no fala
     Se no al mumento che se ascolta i bali,
     Più grato assae de quel de la cigala,
     Che missià coi strumenti musicali
     Forma de toni una diversa scala,
     E fa che dei melodiosi ammali
     No se senta la ose che in confuso
     Per sbaterghe, o fischiar, secondo l'uso.
16Gh'è dei zuconi che se fica in testa
     De spender i so bezzi per sentir,
     Pensando che per lori sia la festa,
     E invece i fa el teatro divertir.
     I taroca, i cria zito, i fischia, i pesta;
     E a le bele, che mai la vol finir,
     Da brutali, i ghe dise, sfondradone,
     E tuti ride, e ride anca ste done.
17Xe po el teatro silenzioso e quieto
     Co gh'è un tendon da novo, o qualche scena
     D'un soteraneo, o pur d'un bel tempieto,
     O sul mumento del rondò in caena;
     No se tira po el fià co gh'è el baleto;
     Se tase sempre su la danza piena;
     E compensa sto poco de riposo
     Un susseguente strepito armonioso:
18Ma xe calà el sipario, e za i lumini,
     Che se stua in bota, el so profumo esala,
     E intanto che i putoti, i licardini,
     Farfalizza a le bele su la scala,
     Le bontoniste, e i bontonisti fini,
     Che in genere de gusti mai no fala,
     Socia in palcheto: infati le marmote
     Core al casin sonada mezza note.
19Là le croniche, dite scandolose,
     Da quei sempioni che vol far i gravi;
     Ghe xe nove galanti, morbinose,
     De le done più alegre e più soavi,
     A diese, a dodes'ochi, soto ose
     I bontonisti più prudenti e savi
     Le conta longhe e larghe a st'altre done,
     Che ride e gode, e che no se scompone.
20Fenio el raconto, e i fati comentai,
     Vien l'ora conveniente del casin,
     Ma andarghe in bota xe da desparai,
     Bisogna anca al cafè far un provin.
     Xe i cafè alora tuti popolai,
     E no gh'è più un sofà, nè un careghin,
     Ma i xe po paradisi, e quela fola,
     Quel bogior, quel sussuro, ve consola.