Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/334

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


21Mezz'oreta e po basta, e alfin se ariva
     A la più bela istituzion, più sana,
     Che possa aver un che nel mondo viva;
     Questo è 'l casin, d'ogni delizia umana
     Vera apendice. A torto è stada priva
     Roma ai so tempi, oh Roma, Roma insana!
     Nè tuta Atene coi so gran talenti
     No ga savesto far de sti portenti.
22Cento compagni che no se conosce,
     Ma che se unisce, e che convive insieme;
     Che xe tuti paroni, e che fa cosse
     Tuti diverse, e qualche volta estreme;
     Chi chiacola, chi mormora, chi tosse,
     Chi incalza una doneta che ghe preme:
     Questi magna, quei zoga, e quelo dorme,
     E chi sbadagia in musicali forme.
23De le done se basa e se strabasa,
     Disendoghe al vicin: «che sfondradona.
     La vien co st'aria, e i vol po che se tasa?
     E st'altra dise a un altro: co grassona!
     Mi se fusse cussì starave a casa
     A far quel che faceva siora nona.»
     E le ve conta su vari caseti,
     E se gode a sentir sti potachieti.
24Come che xe la società missiada,
     (Che qua sta el bon, e che ghe xe de tuto)
     Cussì nel zogo vien adoparada,
     Qualche astuzieta, e no senza costruto;
     O sbalo sconto, o posta radopiada,
     Ma qualche volta el caso se fa bruto;
     Perchè la se scoverse, e al duro passo
     Se se strapazza, e se fa un po' de chiasso:
25Ste cosse rende viva l'adunanza,
     E dà logo a graziose satirete,
     Per la bela qualcun tol su la lanza,
     Che s'à sconto el panfil ne le carpete,
     E acusa un'altra che gavea l'usanza
     De butar via sbalando un quatro, un sete:
     Ste satire, sto acuse, sto fermento,
     Xe de molti casini l'ornamento.
26Tuti per altro no xe a questi uguali,
     Ghe n'è de quei che se pol dir licei,
     La saviezza, onestà, chiari natali,
     Casta belezza, purità da dei.
     Spirito sodo, grazie naturali
     Vive e trionfa. Oh questi po xe bei!
     In questi se sè degno andeghe drento,
     E vedarè che restarè contento.

27Xe cinque boti, e del paradiseto
     La fola a poco poco se schiarisce:
     «Che coteghi! a cinque ore andar in leto?»
     Cria do tre done, e st'altri ghe aplaudisce.
     Se scherza su sto massimo dileto,
     Una nova partia se stabilisce:
     Che se ghe chiama la partia barona,
     E se finisce co i matini sona.
28Alora se va in leto in santa pase,
     Che 'l zorno citadin za xe spario,
     E in brazzo al sono tuti i sensi tase,
     Tuto quanto el bon ton xe sepelio.
     Nè 'l sol ardisce entrar ne le so case,
     Che quando mezzo el corso el gà finio,
     E qualche volta mai, che qua sta 'l ben,
     Viver in casa dove 'l sol no vien.
29Xe insolenti i so ragi a chi xe avezzo
     Viver al dolce lume de candela;
     I scovre tropo, e no i ga mai quel vezzo
     De confonder la bruta cola bela.
     Xe la zentagia che ghe dà sto prezzo,
     Qualche poetastro e qualche sciocarela:
     In suma tuti quanti quei animali,
     Che gode de le cosse naturali.
30Ma se se svegia e torna un altro zorno
     Come xe quel che vo descrito adesso.
     Varia i trati, per altro, ma 'l contorno
     Poco su poco zo sempre è l'istesso.
     Fa de le impertinenze chi xe storno,
     Le bele se desmentega el so sesso:
     Gh'è mascaro, gh'è cene, ghe xe bali,
     E ghe xe i randevù sentimentali.
31Perchè la vista non aver da lince
     E trapassar quei misteriosi muri?
     Se vedaria chi ardito assalta e vince,
     E i fredi amanti che no xe sicuri;
     E quele che una prova no convince;
     E quei che amor fa più costanti e duri;
     El fier, l'afetuoso, l'indecisa,
     E la sentimental nova Eloisa.
32Ma xe za un pezzo che anca i muri parla,
     E i misteri d'amor no è più misteri:
     Qualche volta le dame sa contarla,
     E qualche volta zonta i cavalieri;
     E chi la sa se gode a sparpagnarla;
     E cresce ne le done i desideri,
     E deventa le timide sposine
     Tante sentimentali messaline.