Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/314

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Li podemo ingrandir,
     Perfezionar, condir;
     60Insoma gh'è una gran diversità
     Da l'animal salvadego,
     A quel de società.
     Sto principio impiantà,
     Qualcossa s'à da far,
     65Vu za el vedè, un per l'altro
     Per poder ben campar.
     Mi a la bona stagion
     Farò la provision
     E de grani e de fruti,
     70Perchè co vien l'inverno
     No abiemo da zunar in sempiterno.
     Sta dona che vedè,
     Che da qua avanti chiamarò mugier,
     Val a dir che nissun la pol più aver,
     75La pensarà a sugarli,
     A netarli, a secarli,
     E po co tuta l'arte
     La ne farà la parte;
     Invece de spelonca
     80Co de la pagia, co dei rami sechi,
     Co del fango, dei stechi
     Farò una certa fabrica,
     Che chiamaremo casa,
     Dove che 'l fredo, el vento
     85No possa vegnir drento;
     Farò cent'altre cosse in conclusion
     Perchè el viver sia bon.
     Mi farò questo, e vu
     Cossa fareu, da bravi,
     90Rispondè; disè su? —
     Mi, dise 'l can, dai ladri,
     Che ancuo s'à da chiamar
     Quei che qua se volesse desfamar,
     Ve savarò vardar.
     95Cigarò, sbragiarò,
     E se ocoresse li morsegarò. —
     — Ben bravo, dise l'omo,
     L'è un far da galantomo,
     E vu: voltà dal gato;
     100— Mi per tante bravure no son fato;
     Ma savè che gh'è i sorzi,
     Che da per tuto i va,
     E i vegnarà anca qua,
     E che per profession
     105Me piase el bon bocon;

     Mi li mazzarò tuti, e co bravura
     Ghe darò in tel mio corpo sepoltura.»
     Intanto che i parlava
     I vede là una mosca,
     110Che atenta li ascoltava
     —«Sior animal chi seu?
     Ghe dise alora l'omo,
     E co nu: cossa feu? —
     — Mi son la mosca, e come in vita mia
     115M'à sempre piasso star in compagnia,
     Cussì, cari, sentindo
     Tante cosse a contar
     Del novo vostro star,
     Voleva in sto mumento
     120Co vu unirme a campar. —
     — La mosca donca sè,
     E star co nu volè?
     Ben siora, rispondeme,
     Qual è el mistier che fè?»
     125Co un'aria da petegola
     La sbalza su una fregola,
     Po a la testa del can,
     E alfin sul naso uman;
     Lu intanto chiacolando,
     130Sempre la stuzzegava,
     E l'omo stranuava.
     Ela in bota scampava,
     E dopo la tornava,
     E l'omo s'inquietava:
     135«Via quieteve in malora
     El dise, rispondè,
     Qual è el mistier che fè? —
     — Co volè che ve diga
     No son tropo paziente;
     140Mi no ò fato mai gnente;
     Stago coi animali
     Uguali, disuguali;
     Se gh'è qualche bocon
     Che anca per mi sia bon,
     145Mi te ghe sbalzo in cima,
     E voi esser la prima;
     Volerme cazzar via,
     S'à capio che l'è un pezzo,
     Che la xe una pazzia;
     150E chi me vol mazzar
     Ghe perde più in tel tempo
     Che bisogna fruar.
     No gh'è animal per questo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/314&oldid=70215"