Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/313

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     De unirse e infradelarse,
     Guai chi disesse mai de concentrarse!
     La galina vedeva
     25Tute le operazion che se faceva,
     E gh'è qualcun che dise,
     Che la se la rideva.
     Ma finalmente un zorno
     Che i sussurava tuto quel contorno,
     30La l'à chiamai davanti
     Uniti tuti quanti,
     E l'à dito: «Putei,
     Pulesini fradei,
     Cossa ve salta in testa?
     35No gavè ale, nè cresta,
     No gavè fato el beco,
     Sè magri come un steco,
     E parlè come gali,
     E ve scordè
     40Che da mi dipendè,
     Che mi v'ò fato nascer per ogeti
     Degni de mi e perfeti?
     Ah cari i mii putei,
     Pulesini fradei,
     45Quieteve cari, e magnè papa adesso!
     Quando che dal destin sarà permesso
     Ve darò stato, fioli, e lo farò
     Come che credarò.»
     Vien dito che nissun disesse: oibò.
50Se fra i bipedi umani
     Dei paesi italiani
     A isolarse qualcun pensa o destina,
     Che 'l se ricorda sempre sta galina.



LA MOSCA.


In quei bei tempi d'oro,
     Che parlava el molton, la manza, el toro,
     Le mosche, i rospi, i sorzi, i aseneli
     E che tuti parevimo fradeli,
     5Che nasceva i puteli
     Senza che la comare o 'l comaron
     Facesse dele brute operazion,
     Che gera tuto bon;
     Che dai roveri el miel,

     10Dai fiumi se gavea late e puina,
     Che no gh'era cusina,
     Nè leti, nè poltrone,
     E che le done gera nine e none,
     Val a dir brave e bone,
     15Servindo d'una gran comodità
     A tuta quanta la comunità
     Senza driti esclusivi;
     Che sicuri dormivi,
     Che no ghe gera lite e terza e nona,
     20Nè dei grandi la razza sfondradona,
     (Tempi che se i xe stai,
     No i tornarà più mai
     Per i nostri pecai)
     Giusto in sti tempi digo, gh'è sta un omo,
     25Che stufo de campar da galantomo
     Una dona l'aveva inzinganà,
     El s'avea messo in testa
     De formar quel che i chiama società,
     Co lu l'avea chiamà
     30Un bravo gato e un can,
     Za persuasi de sto novo pian.
     I è andai in t'una valeta
     Da la madre natura predileta,
     E in quela i à destinà
     35De piantar sta so nova società,
     L'omo cussì à parlà:
     «Animali fradeli,
     Se ò da considerarve come fioli
     De quela che chiamemo la natura,
     40Che à stampà ogni creatura,
     De mi inferiori assae,
     Per altro co se vol considerar,
     Che in do pie no podendo caminar,
     No gavarè mai man,
     45Come el genere uman;
     Quando se pensi a la mia gran malizia,
     Che da qua avanti chiamarò giustizia,
     Filosofia, rason,
     E che un zorno à da farme parer bon;
     50Animali, diseva,
     Vu vedarè che no savemo unito
     Per scampar dala sè, o dal'apetito,
     A bastanza ne dà
     Quela che n'à creà,
     55Ma i gusti è pochi e scarsi,
     E v'ò fato capir,
     Che stando uniti insieme

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/313&oldid=68886"